LESSINIABIKE: CHE BEL PERCORSO TUTTO DA FOTOGRAFARE

24.07.2011 Sega di Ala (Tn). Siamo al quarto appuntamento con il circuito Garda Challenge e ci presentiamo con le nostre ammiraglie nei pressi di Malga Fratte. Il meteo non è clemente, gli esperti dicono variabile, ci armiamo quindi della giusta mentalità per affrontare i 43km che ci aspettano con tre importanti salite.

Mi scuso subito con i nostri più affezionati lettori ma oggi la linea editoriale sarà diversa. Oggi tralascerò tutto ciò che riguarda le prestazioni e i risultati consultabili su winningtime.it , se poi il nostro Riccardo Finzi o Ruggero De Ceglie volessero dare le pagelle possono inserirle in coda all’articolo.  Ci sono molti lettori estranei al team che leggendo i nostri resoconti si spaventano un po’ e abbandonano l’idea di chiedere informazioni per un’uscita in MTB insieme con noi perché pensano che andiamo come siluri.

Racconterò quindi dello splendido percorso della Lessiniabike ammirando le mucche, i prati e le montagne. Innanzi tutto vi parlo della giusta mentalità, quella che ti fa dire che non c’è brutto tempo, ma hai solo indossato degli indumenti non idonei alle condizioni meteo attuali; oppure il fango (oggi anche la cacca sciolta delle mucche), fa parte di questo meraviglioso sport, non lamentiamoci quindi se la ruota posteriore slitta, la giusta mentalità ti fa dire che hai semplicemente scelto le coperture sbagliate.

La gara parte in salita da un pratone immenso, sulla destra si può vedere una chicca dell’organizzazione: sui prati compare la scritta LessiniaBike. Il colore predominante è il verde dei prati ma oggi spiccano i mille colori delle divise dei vari team partecipanti. La salita iniziale dura poco, tanto per sgranare il gruppo e fare in modo che ognuno prenda il suo passo. Questa è anche una gara da guardare, infatti, si passa nello stesso punto più volte, dopo 500 di salita iniziale si ripassa in discesa di fianco alla partenza, si costeggia un campeggio in lieve salita e si ridiscende verso la strada asfaltata che collega questa località con Ala. Ora un tratto in asfalto ci porta verso la prima vera salita oggi resa ancora più interessante dal fango e dalla pioggia. Inizia così uno sterrato panoramico fino a Passo Fittanze, oggi ancora più panoramico del solito dato la bassa velocità di percorrenza. Sembra di scollinare ma poi si prosegue per altri 2 Km su sterrato fino a Monte Cornetto, la pendenza media qui non è elevata e la strada è larga e ben battuta. Oggi tira un forte vento, sempre laterale che non aiuta di certo la nostra biciclettata. Dopo un tratto sterrato semi pianeggiante inizia la discesa verso Malga Cime ed è poco prima di arrivare a questa Malga che una spettacolare discesa lungo un prato ci riporta a scendere fino alla zona di partenza. Si risale di nuovo verso Malga Cime. Qui si possono scattare delle belle foto panoramiche, il paesaggio non manca di certo. Poi attraverso un single track di 2 Km in discesa si raggiunge località Busoni e dopo una vecchia strada militare si devia verso il fondo valle in prossimità del campeggio. Si ripercorre la strada provinciale e s’imbocca la salita che porta a Monte Castelberto, la salita misura circa 8,5 Km completamento in sterrato con alcuni tratti veramente impegnativi ma è stupenda perché prima è in sottobosco e poi la vista ripaga di tutto lo sforzo fatto.  Si passa davanti a Malga Lessinia ove persone molto gentili offrono thè caldo, oggi ce né proprio bisogno. Ma la salita non è finita, bisogna raggiungere Monte Castelberto arrivando al punto più alto del percorso 1730 s.l.m. anche qui la macchina fotografica è d’obbligo. Da questo punto inizia la picchiata verso il fondovalle, con una discesa di 8 Km (Tubeless consigliati per evitare pizzicamenti alla camera) fino alla località Capitello interrotta “solo” da un paio di strappi. Il solo naturalmente è molto ironico.  Si percorre poi il giro d´onore attraverso i pascoli di Malga Fratte per poi arrivare al traguardo…Dimenticavo, giro d’onore in salita!  Una gara da fare e da guardare come fanno le numerose mucche.

FULVIO TAGLIA

About riccardofinzi